Interventi

Sentenza della Corte Europea sul Crocifisso

In occasione della Sentenza della Corte Europea di Strasburgo, riguardante il Crocefisso, desidero riproporre le mie considerazioni - condividendole ancora oggi alla lettera - sviluppate nel lontano 2003, critiche allora in merito alla sentenza dell'Aquila, e pubblicate da: La Voce del Popolo, Giornale di Brescia e Brescia Oggi (ottobre 2003).

Bragaglio: giudizio critico sul cambio del Direttore Maiocchi

…E devo dire di aver trovato molto sorprendente e discutibile il percorso che è stato costruito perché il dottor Maiocchi non è un funzionario dello Stato che, semplicemente, se ne va e ci ringrazia parlando bene della città.

Lei, signor Sindaco, ricordo bene in polemica con il sottoscritto, ha difeso il valore del Dott. Maiocchi, usando parte delle motivazioni che sto adoperando io adesso, e le utilizzo in maniera esplicita, contro di lei, perché lei le ha sostenute quando veniva Maiocchi e oggi dovrebbe rimangiarsele. Perché sono le stesse motivazioni che oggi non le consentono di difendere in maniera sufficientemente dignitosa la motivazione amministrativa per cui Maiocchi, semplicemente, in una settimana prende i suoi bagagli, le poche armi che ha, e già se ne va.

 

Intervento di Cesare Trebeschi sul Crocefisso

    

 

C’è, nella storia della cultura un fenomeno suggestivo, la capacità delle diverse civiltà di adeguare la rappresentazione dei  valori al variare delle stagioni coniugando linguaggio e simbolismi.

22 03 1988

Astensione al Referendum del 21 giugno 09

Astensione dal voto sul Referendum del 21 giugno 2009

On. Mino Martinazzoli, On. Paolo Corsini, Sen. Guido Galperti, Gian Marco Quadrini (Consigliere regionale - segretario provinciale UDC), Dionigi Guindani (Consigliere regionale - segretario provinciale Socialisti) Arturo Squassina (Consigliere regionale), Claudio Bragaglio (Consigliere comunale PD - Brescia), Federico Manzoni (Consigliere comunale PD - Brescia), Giuseppe Onofri (Avvocato, già vicesindaco), Alfredo Bazoli (Avvocato, presidente Direzione provinciale PD), Marco Fenaroli (Segretario CGIL Brescia), Carlo Fogliata (già capogruppo provinciale PD), Gianni Girelli (esecutivo provinciale PD). 

Bragaglio: necessario il non voto al Referendum.

A livello nazionale si sono costituiti vari Comitati che hanno come obbiettivo quello di promuovere il non voto al prossimo Referendum. Tra questi vi è il Comitato “Amici della Costituzione”, e successivamente  il “Comitato per l’astensione”, promosso dal sen. Passigli e che vede tra i suoi promotori anche il sen. Bassanini e l’on. Tabacci. Al “Comitato Amici della Costituzione” hanno aderito molte personalità che ritengono questo Referendum un grave errore che non introduce alcun miglioramento alla attuale legge, denominata “porcellum”.

Tra queste: Claudio Abbado, Salvatore Accardo, Rosellina Archinto, Corrado Augias, Gae Aulenti,Giovanni Bazoli, Francesco Saverio Borrelli, Giulia Maria Crespi, Umberto Eco, Inge Feltrinelli, Vittorio Gregotti, Rita Levi Montalcini, Claudio Magris, Dacia Maraini, Francesco Micheli, Giuseppe Mussari, Renzo Piano, Mario Pirani, Maurizio Pollini, Guido Rossi, Elvira Sellerio,  Pierluigi Vigna, Umberto Veronesi.

 

 (Bsoggi)

In evidenza

Cerca nel sito

Fotografia del giorno

on. Tortorella ...

Nuova Libreria Rinascita