Nuova Libreria Rinascita

Nuova Libreria Rinascita “mette su casa” con un mutuo e una campagna di sostegno

Buongiorno.
Leggeteci fino in fondo per favore – dicono i Responsabili di Nlr - perché è importante. Anche se è un po' lunga, lo sappiamo, ma non capita tutti i giorni di mettere su casa e abbiamo bisogno del vostro sostegno.
Proprio così, abbiamo acquistato le mura di via della Posta 7 (oggi ne scrivono tutti i quotidiani locali e qui trovate il bellissimo articolo che ci ha fatto Sara Centenari su Bresciaoggi).
Una decisione importante e un impegno particolarmente ambizioso, non solo sotto il profilo economico. La nuova sede costa 680 mila euro e per sostenerlo abbiamo acceso un mutuo di 550 mila euro con Banca Etica (il resto è sostenuto dalle cooperative sociali che animano il progetto). Insomma, mentre le librerie chiudono, mentre l'editoria soffre, noi proviamo a risalire la corrente, convinti che sia la scelta giusta.
«L'investimento è finalizzato a dare solidità al progetto della libreria e della cooperativa - spiega Domenico Bizzarro, il nostro presidente della cooperativa ArticoloUno che gestisce la libreria -. Grazie all'acquisto piantiamo radici solide nel cuore della città, scongiuriamo l'ipotesi del trasloco della libreria al termine del contratto di locazione e aumentiamo il nostro capitale sociale. È un investimento molto impegnativo, ma confidiamo di trovare sostegno nella nostra comunità di riferimento e tra i bresciani,convinti che salvaguardare un bene prezioso come la libreria e la cooperativa sociale ArticoloUno sia di interesse collettivo». Un impegno oneroso e ambizioso. E per questo abbiamo bisogno di voi.




Fabrizio Barca presenta a Brescia il suo libro 13 aprile 2022

FABRIZIO BARCA PRESENTA A BRESCIA IL SUO LIBRO

Disuguaglianze Conflitto Sviluppo
La pandemia, la sinistra e il partito che non c’è

Dialoga con l’Autore

ANDREA  DI STEFANO (Giornalista economico)

13 aprile 2022 ore 18.00
Sala del Camino - Palazzo Martinengo delle Palle

Via San Martino della Battaglia, 18
25121 Brescia

-----
Incontro promosso da
NUOVA LIBRERIA RINASCITA
Con il patrocinio del
COMUNE DI BRESCIA.

Scheda del Libro
«La politica è stata sospinta a trasferire e nascondere le decisioni nella “tecnica”. Lo ha fatto come se si potesse ignorare che dietro ogni decisione c’è sempre anche un giudizio di valore. Possiamo renderlo esplicito, questo giudizio, facendone il cuore del processo democratico, elettivo e deliberativo. oppure possiamo nasconderlo, raccontando che non ci sono alternative. Qui sta l’origine della sfiducia diffusa. Qui il cambiamento radicale da compiere, attraverso pubblico dibattito, conflitto, alleanze, compromessi. Questi sono i passi del cambiamento, della svolta radicale di cui c’è bisogno. Per affrontare, per intersecare le quattro forme di subalternità da cui emanciparsi: di classe, di genere, di razza e ambientale».Tempi duri, per la sinistra italiana. I suoi rappresentanti, i suoi esponenti più significativi, i suoi gruppi dirigenti, messi a dura prova da una lunga crisi dell’economia che ha accresciuto le disuguaglianze, e da una parallela crisi della politica che ha visto svilirsi il ruolo dei partiti e crescere sempre più il divario tra governanti e governati, sono a corto di un pensiero strategico: sembrano avere smarrito il nesso tra lo studio della realtà e la sua trasformazione. Da troppo tempo manca una visione, che sappia precedere e accompagnare l’azione politica. In questo libro, incalzato da Fulvio Lorefice, Fabrizio Barca prova ad affrontare di petto il problema di una strategia d’insieme di cui si dovrebbe dotare il soggetto politico che volesse essere artefice di una trasformazione all’altezza delle sfide del presente. Tre sono i nodi principali che vengono presi in esame, alla luce della crisi determinata da Covid-19: le disuguaglianze, il conflitto e lo sviluppo.

Presentazione del romanzo storico "Et Labora... !"

16 marzo 2022 ore 18.45
Nuova Libreria Rinascita - via della Posta 7 Brescia

Presentazione romanzo storico "Et Labora... !"


Introduzione di Piera Maculotti  giornalista

Claudio Bragaglio curatore dell'introduzione
dialoga con
Pier Luigi Milani  autore

seguirà dibattito

Et Labora...!
Perché questo romanzo? Chi furono questi Umiliati, chi Gioanì dei Pèrge e chi fra’ Filardo, Priore della domus di Santa Maria al Ponte? Quali relazioni intercorsero tra l’Ordine tripartito degli Umiliati, che permeò di sé le terre di Lombardia, e le tante eresie che la percorrevano? Quali i rapporti con l’ortodossia pontificia, le sue diramazioni vescovili e pievatiche? Quali quelli con le gerarchie nobiliari e l’Impero? E infine, quale ruolo assunsero gli Umiliati nell’invenzione della primigenia industria laniera?
Il viaggio di Gioanì e Filardo dalla Valle Camonica a Brescia e ritorno, a seguito di una devastante alluvione che ha distrutto manifatture, case e chiese, è l’occasione per una coinvolgente rivisitazione dell’inquieto  mondo italico  all’inizio del XIII° secolo,  al quale l’Ora et Labora benedettino tenterà di dare ordine, dignità e futuro.
Una propensione all’operare, in particolare dei Frati Umiliati, che ha forgiato anche a Brescia una spiccata propensione manifatturiera lungo i corsi d’acqua (Garza, Celato, Bova, Molin del Brolo…) e con l’insediamento delle Domus della  Chiesa di S. Luca e di San Bartolomeo di Contignaga.
Presenze locali significative   a partire dal frate umiliato, Alberico da Gambara, progettista delle Mura di Brescia, con la costruzione anche del primo ospedale della città (Crocera di S. Luca)…
Motivi di forti ed alterne tensioni con altri movimenti considerati eretici (Arnaldo da Brescia), per il ruolo svolto dagli Umiliati anche come esattori e gestori di attività economiche del Comune di Brescia, svolgendo un ruolo in competizione ed in contrasto con alcuni Casati nobiliari, come i Federici in Valcamonica, e la stessa Curia vescovile, in particolare con il Vescovo, Berardo Maggi.


Presentazione del libro "Riformisti" 08 11 2019 - Nuova Libreria Rinascita

RIFORMISTI
Un sindacato moderno che trae forza dalle sue origini

Presentazione del libro di FRANCO GIUFFRIDA

presso NUOVA LIBRERIA RINASCITA
via Posta  7 Brescia
venerdì 8 novembre 2019, ore 14.30

con l'Autore partecipano

LUCA STANZIONE segretario generale Filt Lombardia
CLAUDIO BRAGAGLIO presidente Direzione PD Lombardia
ROCCO UNGARO già segretario generale Filt Lombardia
IVAN PANZICA segretario generale Filt Brescia

Ricordi precisi dell'attività sindacale, in particolare in Lombardia, uniti a ricordi personali, le varie posizioni presenti nel sindacato, diverse, come è giusto che sia in una realtà dialettica: l'Autore, lo dice chiaramente, appartiene alla corrente dei riformisti.
In un mondo in cambiamento, anche il mercato del lavoro non rimane statico. Ecco allora le opportunità e gli appuntamenti mancati anche da parte della CGIL, di fronte alla nascita di posizioni lavorative nuove, alla scomparsa di alcune di quelle vecchie, ai movimenti del mercato.
Tutelare i lavoratori e permettere l'inserimento di forze nuove significa capire il cambiamento e muoversi di conseguenza, senza arroccarsi su posizioni del passato, anche in campo sindacale.


«SBARCATA» una birra solidale che nasce dalle Cooperative sociali - Festa a Cascina Maggia dal 14 al 16 giugno 2019

CRESCONO IN PROVINCIA I MICRO BIRRIFICI ARTIGIANALI. «SBARCATA» una birra che nasce dalle Cooperative sociali “ARTICOLOUNO” E “LA RETE”
già festeggiata da NUOVA LIBRERIA RINASCITA

“SBARCATA”, già festeggiata giorni fa da NUOVA LIBRERIA RINASCITA , verrà commercializzata durante il Festival delle birre artigianali in Cascina Maggia dal 14 al 16 giugno, via Maggia - Bescia
di Thomas Bendinelli (Corriere della Sera)

Si ispira alle ales inglesi, è bionda, leggermente carbonata, ha un corpo snello con una chiusura secca, erbacea e con leggere note di agrumi. È «Sbarcata», la birra artigianale nata da un’idea delle cooperative sociali ARTICOLOUNO E LA RETE che verrà commercializzata ufficialmente durante il Festival delle birre artigianali in programma in Cascina Maggia da venerdì 14 a domenica 16 giugno.
Sbarcata arriva come effetto dei tagli ai fondi per l’accoglienza, «apre i porti laddove si chiudono, sostiene i progetti di inclusione lavorativa», come è stato sottolineato ieri da Domenico Bizzarro e Gherardo Bortolotti delle due cooperative.
Prodotta inizialmente in 1.500 litri, 400 bottiglie vendute (ma c’è anche la versione alla spina) sono sufficienti a far partire un tirocinio extracurriculare variabile dai 3 ai 12 mesi che poi può trasformarsi in assunzione vera e propria. Di tirocini del genere ne sono già stati attivati tre ma le due cooperative contano di attivarne altri, non solo al proprio interno ma anche attraverso una rete più allargata. Sbarcata è nel solco di altre iniziative che mantengono il fine del no profit e dell’inclusione lavorativa ma sfidano i mari del mercato, quali sono ad esempio le esperienze del Bistrò Popolare, del Bistrò alla Maggia, dell’Ostello locanda degli Acrobati o di Nuova Libreria Rinascita.
Esperienze che al pubblico chiedono poco o nulla ma danno invece molto. Il piano è diverso, non stiamo parlando di cooperative sociali, ma che il percorso di Sbarcata potesse incrociare quelle delle birre artigianali non stupisce più di tanto. «La festa che faremo alla Cascina Maggia, da venerdì a sabato, è promossa da cinque pub indipendenti (Birralab, La Pulce, Spine, Taverna di Paola e Xander) — spiega Simone Roversi del pub Le Spine —, pub cioè dotati di impianti di proprietà e non vincolati ad acquisti o a quantitativi determinati con multinazionali o altro». Di pub del genere ne stanno sorgendo diversi, così come è crescente l’attenzione per il mercato della birra artigianale. Anzi, più che attenzione è un boom vero e proprio.
Solo in provincia di Brescia i microbirrifici sorti negli ultimi anni sono una trentina, 862 quelli in Italia e oltre tremila occupati secondo le ultime analisi di settore. Valgono il 3% dei consumi complessivi di birra ma sono in crescita vorticosa e hanno un appeal invidiabile tra i sempre più numerosi consumatori.
Ad aiutarne la crescita potrebbe essere la imminente pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del provvedimento che ridurrà del 40% l’accisa sulla birra prodotta dai cosiddetti micro birrifici, ossia su quelle fabbriche che operano in regime di deposito fiscale e la cui produzione annua non supera i diecimila ettolitri. Insomma, piccoli birrifici crescono, e con loro i pub indipendenti e, perché no, i progetti di economia solidale e di accoglienza promossi dalla birra Sbarcata.
Che inoltre partecipa a «Io accolgo», campagna nazionale «che coniuga gli ideali dei diritti umani ad azioni concrete per fermare lo smantellamento del diritto d’asilo». Sbarcata fa un passo in più e diventa occasione di lavoro. Per i richiedenti asilo e per i pub indipendenti che crescono in nome della birra artigianale.
BRESCIA: PUBS.FESTIVAL ALLA CASCINA MAGGIA DAL 14 AL 16 GIUGNO 2019
PROGRAMMA:
PUBS.Festival, il Festival della Birra Artigianale e dei Pub Indipendenti Bresciani, sbarca alla Cascina Maggia il 14, 15 e 16 giugno. Tante le etichette presenti e ricco il programma musicale:
• Venerdì 14 Giugno
Apertura spine dalle ore 17 - concerti dalle 19.00
- The Quarry Brothers - Live bluegrass & country music con The Quarry Brothers
(bluegrass - country acustico)
- Frederick & The Riverjumpers LIVE con Frederick & The RiverJumpers
(country - outlaw - american folk)
• Sabato 15 Giugno
Apertura spine dalle ore 12 - concerti dalle 19.00
- The Bonebreakers & TODD DAY WAIT Live RnR in PuBS Festival con The Bonebreakers e Todd Day Wait's Pigpen
(rock'n'roll - country - bluegrass - cajun)
• Domenica 16 Giugno
Apertura spine dalle ore 12 - concerti dalle 20.00
- The Hot Teapots (dixieland - old time jazz)
CON LE COOPERATIVE LA RETE E ARTICOLO UNO
Festa di inizio estate a Cascina Maggia dal 14 al 16 giugno a Brescia con La Rete Cooperativa Sociale e Articolo Uno e il "PUBS.Festival" il Festival della birra artigianale e dei Pub indipendenti bresciani.

In evidenza

Cerca nel sito

Fotografia del giorno

Corsini e Braga...

Nuova Libreria Rinascita