Partito

13 03 2017 Il Ministro Anna Finocchiaro a Brescia per Mozione PD di Andrea Orlando

IL MINISTRO ANNA FINOCCHIARO A BRESCIA

per Mozione PD di Andrea Orlando
Lunedì 13 marzo 2017 ore 18.00
presso la sede PD
in via Risorgimento 18 a Brescia

Comitato Andrea Orlando - Brescia


Care amiche e cari amici, care compagne e cari compagni,
Quello che vi propongo è di ridurre le distanze. Quelle economiche, sociali, culturali. E anche le distanze tra di noi. Non è semplice perché viviamo in un mondo lacerato, in una società divisa e alla fine queste divisioni si sono proiettate anche su di noi. In un tempo nel quale il Presidente della Cina comunista fa l’elogio della globalizzazione e il Presidente degli Stati Uniti si pone alla testa dei suoi detrattori non ci sono ricette semplici e non basteranno slogan efficaci. Io avanzo alcune proposte e un percorso per costruirne insieme altre. Sì, perché vorrei che questi giorni che ci separano dal congresso siano anche l’occasione per far crescere dal basso un progetto, coinvolgendo quella parte del Paese che può guardare a noi e riconoscersi. L’Italia è un Paese bellissimo, l’abbiamo detto tante volte, ma è anche un Paese che continua a soffrire. Ha grandi risorse inespresse, il nostro lavoro è farle uscire allo scoperto, mobilitandole verso una riscossa civile e sociale. E questa riscossa può avvenire soltanto con i piedi ben piantati in Europa. “Se costruiremo soltanto amministrazioni comuni, senza una volontà politica superiore, rischieremo che l’Europa appaia senza calore, senza vita ideale”. Tenendo a mente queste parole di Alcide De Gasperi, vorrei che il nostro sguardo fosse costantemente rivolto all’Europa, non solo perché là si collocano le nostre radici, ma soprattutto perché là sta il nostro avvenire, la dimensione minima per combattere l’ingiustizia e difendere la pace.


leggi la Mozione
www.unita.tv/focus/mozione-congressuale-andrea-orlando/





Bragaglio: nel PD con Andrea Orlando

Rimango nel percorso congressuale - diversamente da altri amici con i quali ho condiviso impegni e battaglie politiche - per sostenere una prospettiva di cambiamento del PD renziano. In continuità, per quanto mi riguarda, con un cambiamento di linea e di politiche sociali sostenuto in questi anni, in modo da poter ancorare il PD al centro sinistra. Verificandone poi l’esito. Con un’ispirazione che mi ostino a definire “ulivista”, intesa come il riconoscimento del pluralismo dei riformismi (di sinistra, cattolico democratico e laico) come ha riproposto Romano Prodi. E come Brescia – da Martinazzoli in poi - ci ha insegnato. Paolo Corsini ha parlato d’un “arrivederci”. Auspicabile, anche da parte mia, per quanto siano incerti i futuri approdi, ma consapevole che sarà il cammino stesso a determinarne la meta. Non mi affido solo a speranze, in questi anni spesso vanamente consumate. Tantomeno a chi ritiene che questa dolorosa rottura rappresenti una liberazione da zavorre e dai nostri problemi.




Bragaglio: una sollecitazione a Del Bono per riaggregare un nuovo Centrosinistra

L’INTERVISTA A BRESCIAOGGI. L’esponente del PD Claudio Bragaglio interviene sul momento difficile che sta attraversando il partito: "il rischio della scissione è reale, scenario indecifrabile". "Tocca al Sindaco esprimere una leadership in grado di avviare un percorso di alleanze in vista del voto del 2018 allargando l’area politica pronta a sostenere la sua rielezione".

di Mauro Zappa
Si dichiara contrario a ogni ipotesi di scissione, pur reputandola probabile: «Forse è stato varcato il punto di non ritorno. Se ciò accadesse, avrebbe i connotati di un’autentica esplosione, da qui la drammaticità del passaggio». Nel caso, lo scenario che si aprirebbe secondo Claudio Bragaglio, esponente del Partito Democratico della cui direzione regionale è componente, sarebbe «indecifrabile». In ragione di ciò e in vista delle elezioni in città nel 2018, «il mare che si dovrà solcare sarà tempestoso e la rotta controvento, occorre quindi attrezzare il veliero per una navigazione che si annuncia difficile». Come? Affidando a Del Bono «un ruolo politico volto a costruire un’aggregazione, sempre nell’ambito del centrosinistra, nuova rispetto al 2013»…

MAH...CI SI METTE PURE LA CORTE A FARE UN PO' DI MESTIERE CHE NON È PROPRIO IL SUO!

L’impressione è netta. Sperando da parte mia di sbagliare. Con la crisi delle istituzioni e paventando il rischio del vuoto di potere la Corte Costituzionale prova - su certi passaggi delicati ed importanti - a fare supplenza politica al Parlamento e pure ai Partiti.
Absit iniuria…ma se osservo anche nomi e cognomi di alcuni giudici non mi sorprendo di certe intenzioni e di quest’ambizione, persino vocata ad un azionismo…interpartitico.
Leggeremo le motivazioni per poter cambiare - se del caso - opinione. Ma contro precedenti sentenze, si mantiene pure un buon 65 per cento di Deputati nominati (I Capilista).  Ma non è che i “deputati nominati” dai segretari di partito andassero bocciati nel “Porcellum” di Calderoli, mentre possono passare indenni – e son la maggioranza degli eletti della Camera – nel nuovo Italicum.
Dopo tale sentenza, nelle intenzioni che traspaiono, l’alternativa mi sembra piuttosto chiara.
Chi vuol votare subito pensa ad un PD solitario, più o meno al 30-33%, o mal accompagnato ed alleato in futuro a Berlusconi, con un Patto del Nazareno bis. Ed un sistema politico-istituzionale di tipo neocentrista e tolemaico.
Chi punta al voto del 2018 pensa invece alla scommessa di ricostruire un Nuovo Ulivo. Ovvero una coalizione di centro sinistra che  mediamente ha viaggiato attorno al 45 per cento dei voti. Ed un sistema di alternanza di tipo bipolare.
Tertium non datur!
Tanto valeva, ed era molto meglio, non togliere il ballottaggio, rendendo però possibile il ballottaggio anche tra coalizioni (ch’era impedito dall'Italicum). Come avviene da più di vent'anni nei Comuni medio grandi, con evidenti effetti positivi di rappresentatività e di stabilità di governo.
Se le intenzioni, poi, son quelle di tagliar le gambe in questo modo al populismo salvinian-grillino - con l'azzardo di elezioni precipitate ed una spericolata operazione neocentrista - resta da vedere nelle prossime settimane le reazioni della politica e quanto di ciò si avveri...
Sapendo però che ormai da tempo tra intenzioni e realizzazioni della 'politique politicienne' son saltate tutte quante  le...congiunzioni! brg

In evidenza

Cerca nel sito

Fotografia del giorno

Delegazione PD....

Nuova Libreria Rinascita