Con Draghi al Colle al sicuro l'Italia, una doppia prospettiva per il PD

Fin troppo facili  i pronostici  sbagliati,  per due opposte  scelte  sulla Presidenza della Repubblica.
La prima, rischiosa e da evitare, una soluzione fintamente unanime, su una candidatura “debole” e condizionata. Che sia il giovane o la donna…o i vari nomi di Casini, Cartabia, Amato, Pera,…che in un’Aula divisa avranno i loro padrini determinanti – già facili da individuare – con la messa all’angolo del PD. E non solo. Con lo stesso Draghi che figurerà tra gli sconfitti e che si ritroverà nel Vietnam d’un anno elettorale. Di cui si son già avuti i segnali con la recente sconfessione della sua maggioranza e lo sciopero di Cgil e Uil, motivato da quello stesso sfregio. Al punto da immaginarci anche un benservito dello stesso Draghi, richiamato dall’Europa.
La seconda, di Draghi Presidente – e a mio parere da sostenere - motivata da un punto di vista sul futuro del Paese, più che sugli interessi di partito – PD incluso – per il periodo del ’22-’23.
Tutti i dati dell’emergenza – dalla pandemica a quella economica - impongono la priorità della “messa in sicurezza del Paese”, sul medio periodo. Anche a fronte d’una possibile vittoria della Destra. Mentre il ricatto d’un voto contrario a Draghi – se candidato - non esiste perché tutti i Parlamentari - della migliore o della peggior specie – sperano di tagliare il traguardo del '23, visto che la maggioranza di loro non rivedrà più il proprio scranno.


In evidenza

Cerca nel sito

Fotografia del giorno

5 I ITIS a.s. ...

Nuova Libreria Rinascita