Con Gori ed un PD del Centro Sinistra in Lombardia e due preferenze: per Miriam Cominelli e Gianni Girelli

CON GORI PRESIDENTE.  Con la candidatura del leghista Attilio Fontana e la rottura consumata da Roberto Maroni si è aperta la concreta possibilità d’una vittoria di Giorgio Gori.  Davvero incomprensibile ed irragionevole l’errore di “Liberi ed Uguali” che, pur avendo aperto un confronto programmatico e ottenuta la piena disponibilità delle Primarie per il Centro Sinistra, ha scelto in Lombardia la rottura. Diversamente da quanto peraltro ha fatto in Lazio. E che fa e farà anche in molti Comuni.
E’ dunque il PD lombardo che ha sostenuto e sostiene con coerenza la bandiera del Centro Sinistra contro Lega e Forza Italia. Mentre LeU l’ha in questo caso abbandonata.
E’ il Centro Sinistra di Giorgio Gori, già sperimentato da sindaco di Bergamo, oltre che proposto da candidato in Regione. E’ il Centro Sinistra di Emilio Del Bono a Brescia, dove è in campo anche l'idea politica d'un PD plurale, perno d'una più ampia coalizione riformista di Centro Sinistra e Civica. Dove sinistra laica riformista, cattolicesimo democratico popolare, ambientalismo e la rete dei diritti civili rappresentano storie politiche ed esperienze amministrative autentiche, partecipate e praticate nel sociale, in molti comuni, nel mondo del lavoro e del sindacato, nell’associazionismo.
Ed è l’esperienza bresciana d’un PD unitario e plurale, anche nelle sue culture politiche, che mi porta personalmente a sostenere, anche nelle preferenze da esprimere per la Regione Lombardia, due significative candidature come quelle di Miriam Cominelli e di Gianni Girelli.


In evidenza

Cerca nel sito

Fotografia del giorno

Manifestazione ...

Nuova Libreria Rinascita