In replica a Tarantini. Capra, ASM-A2A: un tentato “assalto alla diligenza”

Con riferimento all’intervento dell’avv. Graziano Tarantini, confesso l’iniziale incertezza per una replica. Ma, condividendo le suggestioni dell’incontro in Loggia con il Sindaco del Bono, la Ministra Gelmini, il Rettore Tira e l’Ad di A2A, Mazzoncini, autore del libro presentato (“Inversione ad E”), ho cambiato idea. Perché Brescia proprio  con “questa” A2A è già nel futuro.
In quanto a Tarantini non lo condivido quando sostiene che sull’ing. Renzo Capra ed ASM sia preferibile il silenzio e che la giustizia vada affidata solo ai giudizi degli storici. Ritengo che se A2A ci assicura il più grande contributo anche finanziario in Italia dato a città simili a Brescia, rileggere la storia di ASM-A2A significhi non smarrire le radici. Magari allargando il focus che riguarda anche i “deragliamenti” contrastati ed evitati. Diversamente dal traumatico 2009.
Vari “assalti alla diligenza” furono tentati - in parte riusciti - in coincidenza con le divisioni interne alla DC, durante la Giunta del sen. Padula (1985-90), e l’accordo Prandini-Landi, con la presidenza ASM di Riccardo Conti (1986-90). Questo, mentre la destra DC attaccava il Metrò e l’autonomia di ASM in materia di appalti e risorse, ma con Capra sempre nella trincea giusta.
Sono convinto che, nel 2008, il cambio della Governance di A2A sia stato fin da subito un obiettivo del Centro Destra, complice anche un qualche errore che Capra stesso ha evidenziato.




In evidenza

Cerca nel sito

Fotografia del giorno

Alberto Trebesc...

Nuova Libreria Rinascita