Un ricordo di Elena Piovani 22 10 17

Partito

Gianni Cuperlo a Brescia domenica 29 gennaio 2023

GIANNI CUPERLO A BRESCIA, CANDIDATO SEGRETARIO
PER IL CONGRESSO DEL PARTITO DEMOCRATICO

Domenica 29 gennaio, ore 10.30

Sala "28 maggio", presso la sede PD provinciale

via Risorgimento 18 Urago Mella, Brescia.

Introduce FRANCO TOLOTTI
Coordinatore provinciale della Mozione
"Promessa Democratica".

L'incontro con Gianni Cuperlo è aperto ad iscritti e simpatizzanti
ed è possibile seguirlo anche in CONFERENCE-CALL
con il seguente link: https://meet.goto.com/874705341

PROMESSA DEMOCRATICA è il titolo della piattaforma programmatica di Gianni Cuperlo in vista delle primarie del PD: “Promessa è una bella parola, ma per la politica può risultare provocatoria per il divario tra dichiarazioni e comportamenti. Oggi questo è evidente per il Governo di questa destra, ma qualche “peccato” lo abbiamo commesso anche noi. Scegliere questa parola da parte nostra vuol dire coinvolgere le persone da protagoniste di una ricostruzione di stima verso il Pd dal lavoro, dalla cultura, dalle generazioni più giovani.”

Primarie, Candidati e Centro Sinistra in Loggia

Ancora le Primarie? Noto su Stampa e Social la riproposizione, con motivazioni che meritano un’ulteriore riflessione. In ogni caso è chiaro il bivio che Direzione ed Assemblea regionale hanno individuato per le cariche monocratiche. O ci sono Primarie con consenso della Coalizione o il PD può fare Primarie proprie, ma rompendo con la Coalizione. Tertium non datur.  
A questo si aggiunga anche una riflessione più politica che mi viene dal motivato spunto offerto dall’amico Nicolò Gatta che mi chiama in causa come sostenitore delle primarie del 2013. Una contraddizione la mia? Proviamo a riavvolgere il nastro per  coglierne sostanziali differenze.
Nel 2013, superati alcuni problemi interni al PD per la ricandidatura di Del Bono, ci si pose il problema d’un Centro Sinistra, allora frammentato. Con un PD diviso sulle scelte prioritarie, oscillanti tra centro e sinistra. Ho riletto vari interventi di allora e ne segnalo uno in particolare, quello di Federico  Cancarini (presidente del Circolo Loda-Martinazzoli) molto lucido nel sostenere che “il PD bresciano non ha ancora rinunciato all’ininfluente alleanza con il Sel”, che ci pregiudica l’elettorato di centro. In quanto alle primarie, per questo nodo  il PD cittadino le ha inizialmente contrastate. Esse riguardavano la proposta di Marco Fenaroli e della sinistra PD, quindi il “ressemblement” di forze a sinistra del PD. Su questo nodo segnalo l’intervento sulla stampa di Giovanni Fornoni, della segreteria cittadina, in risposta ad una sollecitazione del notaio dott. Barzellotti, favorevole alla proposta di Fenaroli. Fornoni obiettava che le primarie sono solo uno strumento, ma che il vero dubbio riguardava la credibilità della coalizione, sul fianco di sinistra.



PD, Centro Sinistra, Congresso - Un “nuovo Prodi” come federatore della coalizione

In prossimità del Congresso non posso che pensare alla gran confusione che ci avvolge. Come nebbia. Troppe parole per poche idee. Ma, “quando è grande la confusione sotto il cielo”, diceva Mao Zedong, “la situazione è eccellente!”. Confesso che, per il caso nostro, m’è ben chiara la prima parte di questa affermazione, ma molto meno la seconda. Va per la maggiore che per venirne fuori il PD debba prima darsi una identità e poi la politica. Ma è tipica di chi, senza bussola, in realtà non sa dove andare. Come se dovessimo ripartire sempre da zero.
L’identità! Ci provammo con Fabrizio Barca nei famosi tre giorni del PD a Bologna, nel 2019… tant’è che nessuno più se li ricorda. L’identità d’un partito è nient’altro che la sua politica. Sia quando essa è di alto profilo, sia che – ed è il caso nostro – tale profilo è basso. Possiamo aggiungere dell’altro, certo, ma senza quel perno politico anche tutto il resto della ruota non gira.
Una tale politica deve misurarsi non con i peana della retorica della partecipazione, d’un partito aperto…e via via puntualmente elencando buone, ma inutili intenzioni. Costatando che apri sì i circoli, ma non ci entra nessuno perché non riconoscono la tua funzione. Persino l'utilità. Il problema d’un partito è ciò che si propone di rappresentare della società, del lavoro, dell’emarginazione e delle disuguaglianze sociali, del mondo culturale…


Congresso del PD e Loggia: alcune critiche riflessioni

Non basta l’ovvietà quando è in gioco la sopravvivenza del PD ed è da tali situazioni estreme che deriva il “primum vivere deinde philosophari”. Ma il PD per ora vaga in cerca d’una nuova identità e rischia persino di rinviare sine die l’opposizione a questo Governo di destra. Manco di tatto, ma ciò mi richiama l’icastica metafora di “colui che, del colpo non accorto, andava combattendo ed era morto”.
Abbiamo avviato un Congresso rifondativo. Ma prima s’è già fatta la scelta dei candidati, solo poi con le forbici di Arlecchino si ritaglierà il vestito multicolore da indossare per il voto degli iscritti. C’è chi s’attarda sul “Manifesto” del PD del 2007, senza chiedersi come, dal 2007 al 2018, il PD sia passato da 12 a 6 milioni di voti. Che ne è rimasto d’un PD maggioritario di Veltroni, d’un mancato PD ulivista di Bersani del 2011, per poi ritrovarci Renzi – figlio per nulla degenere del PD – ma sulla sponda opposta? Con relative scissioni. Che dire poi del mito delle primarie, con ben 3,5 milioni di voti, con Veltroni Segretario, ma che ci ha piantato in asso dopo soli 14 mesi. Il primo di 10 segretari, in 15 anni di vita del PD, che sarebbero dovuti essere – come da Statuto! - tutti candidabili a premier del Governo!
Per non dire dei “due Partiti Democratici” dei sindaci, ma con opposte anime faustiane nell’unico petto del partito. Con il “partito dei sindaci”, che s’è sempre adeguato alle scelte nazionali del PD maggioritario, con leggi elettorali “bipartitiche” ed ipermaggioritarie, mentre nel territorio ha vinto promuovendo – e per fortuna nostra! – una politica opposta, fatta dalle più ampie alleanze e di civismo. O delle due componenti – sinistra riformista e cattolicesimo democratico – che nel PD han sì convissuto, ma elidendosi tra loro. Con un PD del bipartitismo che, ipnotizzato dalla conquista del centro, perdeva l’anima sua popolare, lasciando il campo ad un M5S del 33%.
Vi sono candidati e schemi adeguati per un Congresso rifondativo? La mia risposta è molto perplessa. Sia sul fronte di Bonaccini che di Elly Schlein. Vedremo se vi sarà dell’altro. Per ora nebbia, come mai m’è capitato in un Congresso. Peraltro in attesa anche d’una positiva iniziativa del candidato Majorino per la Lombardia.
Questa Costituente mi sembra solo un inizio. Ma, dopo anni di governismo, temo che il PD non sia ancora consapevole della lunga traversata che lo attende nel deserto dell’opposizione. Con l’illusione di avere presto programma ed identità. Penso invece sia prioritario verificare volontà politica e tenuta unitaria del proprio gruppo dirigente. Questo l’hic Rhodus che interpella drammaticamente il PD, ovvero un “patto politico” per poter reggere un lungo e difficile cammino . Se non scatta questo “quid” coesivo non ci sarà Congresso che tenga contro il rischio di  spinte centrifughe. Con spartizione di spoglie nel PD, a vantaggio di progetti tra loro opposti.


L'opzione Moratti per la Regione non è credibile, ma per vincere in Loggia è necessario il campo largo

POLITICA VERSO LE AMMINISTRATIVE
BRAGAGLIO: «L'OPZIONE MORATTI PER LA REGIONE NON È CREDIBILE, MA PER VINCERE IN LOGGIA È NECESSARIO IL CAMPO LARGO».
A BRESCIA «PER IL SUCCESSO ABBIAMO BISOGNO DI TENERE DALLA SINISTRA DI FENAROLI AL TERZO POLO»
Intervista di Thomas Bendinelli (Corriere Della Sera, 08.11.2022)

Il matrimonio con Letizia Moratti era impossibile ma l'alleanza per la Loggia, quella sì, deve essere la più larga possibile e tenere insieme dalla sinistra al terzo polo nella sua interezza, pena il rischio della sconfitta. Così Claudio Bragaglio, padre nobile della sinistra bresciana, presidente della Direzione ed esponente della Segreteria regionale del Partito Democratico.

Davvero l'accordo con Letizia Moratti era impossibile?
«Un'alleanza ampia risulterebbe più competitiva, anche in una regione difficile per il centrosinistra come la Lombardia. «In politica l'aritmetica semplice non funziona. Credo sia sbagliato pensare che la Moratti insieme a terzo polo e Pd possa essere ritenuta un'opzione credibile. E poi era una opzione non praticabile, innanzitutto per quello che Letizia Moratti ha fatto e rappresentato da ministra, sindaca o assessore in Regione».

Niente campo largo però in questo modo.
«Se l'operazione Moratti ha un senso lo si misurerà con i voti che strapperà al centrodestra. Se non accadrà sarà un motivo in più per pensare che questa operazione non avesse senso».

Effetti di questa nuova spaccatura nel campo largo sulla Loggia 2023?
«Rischia di averne ma è da scongiurare in ogni modo. In questo senso il sistema cli voto locale (che favorisce le alleanze larghe, ndr) aiuta».

I tanti nomi che girano come possibili candidati non  aiutano a chiarire il quadro.
«C'è in qualcuno l'illusione che a Brescia si vinca a prescindere, ma credo che questo sia un errore di valutazione e che il buon governo degli anni passati non sia una garanzia per il futuro. Nel 2008 abbiamo perso, nonostante il buon governo, per un quadro politico nazionale e regionale non favorevole. Che nei Comuni di medie dimensioni conta, a differenza che in quelli piccoli».

Nessuna fuga in avanti e tanto lavoro sulle alleanze, quindi.
«Sì, per vincere noi abbiamo bisogno di costruire un perimetro che tenga insieme dalla Sinistra di Marco Fenaroli al terzo polo. Nella sua interezza».



In evidenza

Cerca nel sito

Fotografia del giorno

5 A ITIS a.s. 2...

Nuova Libreria Rinascita