Adeguamento delle tariffe dei trasporti locali e contrasto alla evasione tariffaria

Con riferimento ad alcune lettere pubblicate nei giorni scorsi sul Giornale di Brescia, a partire da quella firmata dalla signora Flavia Gavezzoli dello scorso 29 luglio in cui sono state avanzate obiezioni sugli aumenti tariffari decisi dall’Agenzia del TPL di Brescia, desidero fare alcune precisazioni.
Mi preme anzitutto sottolineare che gli aumenti che saranno effettuati a partire da settembre riguarderanno il trasporto pubblico extraurbano; essi vengono stabiliti con una formula matematica (un “algoritmo”, predefinito dalla Regione Lombardia) che determina i criteri  dell’adeguamento necessario a recuperare l’aumento di costo di alcuni fattori.
In ogni caso, segnalo che dal 2015 non si sono avuti aumenti tariffari e che quelli che entreranno in vigore il 1 settembre prossimo sono pari all’1,32%, valore che si traduce in un aumento da 6 a 8 euro all’anno (ovvero a circa 50 centesimi al mese) con riferimento ai “classici” abbonamenti integrati annuali (fasce chilometriche B, C e D) che oggi costano, rispettivamente 432, 524 e 628 euro. Per opportuna informazione ricordo che gli abbonamenti corrispondenti a queste fasce chilometriche generano circa l’85% dei ricavi imputabili alla commercializzazione degli abbonamenti – annuali o mensili che siano – utilizzati nei tragitti interurbani.



In evidenza

Cerca nel sito

Fotografia del giorno

Con Moroni e T...

Nuova Libreria Rinascita